INFORMAZIONI IN GENERALE – SCAMBI DI CLASSE

MATERIALI:
Ad inizio Scambio, la scuola Italiana riceverà del materiale informativo da Intercultura, compreso un Manuale Scambi di Classe, su come si può organizzare e gestire uno scambio, sulla base della nostra esperienza (dal  1989).  Gli  studenti  riceveranno  un  plico  con  una  lettera  introduttiva  all’Associazione (“Lettera di benvenuto”) e altro materiale formativo. A conclusione dello scambio, riceveranno una seconda comunicazione (“Kit del rientro”) con altro materiale, un Attestato di partecipazione ed un Questionario di valutazione.  Potranno  ricevere inoltre  la  Newsletter  “Incontri  che  cambiano  il  mondo”  e  la  nostra pubblicazione mensile “Quic”. I docenti riceveranno il nostro “Notiziario Intercultura”.
LOGISTICA:
Una nostra Agenzia Viaggi di fiducia è disponibile ad organizzare il viaggio. L’agenzia è la Miss Cricket di Roma*, con la quale collaboriamo dal 1989. L’Agenzia invierà un preventivo gratuito alla Scuola, non appena avremo fornito loro i dati essenziali (numero studenti, data del viaggio all’estero, modalità di trasporto desiderate). La scuola deciderà se affidarsi all’agenzia o meno.
Assicurazione: in base alla nostra esperienza, l’assicurazione scolastica vigente per legge copre già gli studenti e non  è necessario stipulare altre assicurazioni;  in  alcuni casi specifici potrà semplicemente rendersi necessario chiedere una estensione geografica alla propria compagnia assicurativa. L’agenzia Miss Cricket è comunque disponibile per gli aspetti assicurativi, se necessario.
FAMIGLIE OSPITANTI:
saranno affidabili? chi mi garantisce sulla loro affidabilità?”
 
È una domanda che ricorre spesso e che vale anche per i nostri programmi individuali, ben più lunghi. Nel caso di uno scambio di classele famiglie vengono selezionate dagli Insegnanti.
Così come i genitori Italiani si pongono giustamente questa domanda, anche i genitori stranieri si pongono esattamente le stesse domande su di loro.
La garanzia della serietà delle famiglie è data in primo luogo dagli insegnanti che conoscono bene gli  studenti e i loro genitori. Per maggiore sicurezza e completezza di informazione, Intercultura suggerisce agli insegnanti Responsabili di far compilare ai ragazzi (e famiglie) un modulo individuale (Student-Form) che contiene informazioni su eventuali allergie, intolleranze alimentari, hobbies, interessi, esigenze particolari e anche informazioni sui genitori (nome, cognome, indirizzo, età, professione, recapiti telefonici fissi e mobili). L’insegnante straniera/o riceve tutti gli student forms Italiani e viceversa.
Con il supporto di Intercultura, la scuola che ospita per prima effettua gli abbinamenti, sulla base della compatibilità familiare e delle indicazioni specifiche ricevute dal collega (per quanto riguarda alcune indicazioni particolari su alcuni studenti e le loro esigenze, ecc).
ASSISTENZA DI INTERCULTURA:
L’assistenza di Intercultura si esplica durante tutta la durata dello scambio, a livello Nazionale (sedi di Roma; Colle Val d’Elsa – SI e Milano) e Agenzia M.C., a livello locale (Volontari Intercultura – incontri di formazione a scuola, prima della fase di ospitalità, prima della fase di invio, incontro di valutazione finale e supporto durante la fase di ospitalità) e a livello Internazionale: a scambio avviato, ove possibile sarà nostra cura informare i nostri partners Intercultura – AFS (o altre Organizzazioni all’estero). I nostri colleghi saranno a disposizione nel caso di necessità di assistenza urgente in loco.
Dettagli su età, numero, lingua veicolare, durata, ospitalità, soggiorno all’estero, spese e regole.
 
Età
Tra 12   e 18 anni. Preferibilmente scambi tra   studenti della stessa età.
Numero
Generalmente tra i 10 e i 25 studenti + 2 o più insegnanti.
È preferibile che il numero   degli studenti dei due gruppi/classi sia eguale,   ma piccole differenze sono   possibili. Naturalmente   ogni variazione o differenza andrà   discussa e accettata da entrambe le scuole. I gruppi possono   essere composti anche da studenti provenienti da diverse classi.
 
Lingua
È necessario che gli   studenti delle due   scuole abbiano una lingua   comune a disposizione, la lingua madre di uno dei due gruppi o una lingua   straniera studiata in entrambe le scuole (per esempio Inglese, Francese, Tedesco, Spagnolo).
 
Durata
Preferibilmente 7 giorni. Dipende dalla legislazione vigente nei rispettivi Paesi. Durate troppo brevi sono da evitare perché   non permettono agli studenti di conoscere la realtà locale e di coinvolgersi nella   vita familiare e scolastica.
 
Ospitalità
In   famiglia, per studenti e insegnanti. Questo è l’aspetto più importante per una esperienza interculturale come questa! L’abbinamento studente-studente dovrà   essere effettuato sufficientemente in anticipo (eventualmente utilizzando il modulo fornito   da Intercultura), in modo che gli studenti possano scriversi e tenersi in contatto prima   di incontrarsi concretamente. Lo studente partner sarà lo stesso sia   durante la fase di ospitalità che quella di invio. Eventuali eccezioni sono possibili ma andranno motivate e comunicate in anticipo e accettate da entrambe le scuole coinvolte. Gli   insegnanti generalmente si ospitano fra   loro; questo abbatte i costi e può avere   una ricaduta   in termini di scambio   di competenze e crescita professionale. Per altre soluzioni vedi voce “spese   durante lo scambio”.
Fasi Scambio
Le   due fasi possono avere luogo in qualsiasi momento (purché durante   l’anno scolastico); generalmente hanno luogo in Autunno   (Settembre-Novembre) o in Primavera (metà   febbraio- metà maggio).  Il   calendario e la durata   dei soggiorni vengono concordati con la scuola partner. Lo scambio si può realizzare anche a cavallo di due anni scolastici.
 
Spese durante   lo scambio
Una volta all’estero, gli studenti saranno ospiti   (senza spese se non quelle   strettamente personali) della famiglia ospitante. La scuola   ospitante provvederà a stilare un programma di ospitalità coprendo le spese   relative. Seguendo una norma di   reciprocità, la scuola   Italiana farà altrettanto.
Gli insegnanti   generalmente si ospitano fra loro;   questo abbatte   i costi e può avere una ricaduta in   termini di scambio di competenze e crescita professionale. Alcune scuole   decidono invece di ospitare gli insegnanti in una   struttura (albergo, pensione, foresteria) non lontana   dalla scuola. In questo caso Intercultura suggerisce che ogni   scuola ospitante copra   (nel suo Paese)   i costi relativi dell’ospitalità degli   insegnanti, su una   base di reciprocità.
Regole
Gli studenti e le loro famiglie, così   come gli insegnanti, dovranno essere consapevoli di alcune regole di comportamento la cui violazione potrà mettere a rischio il soggiorno all’estero e comportare il   rientro anticipato a   proprie spese:
–     assunzione di qualsiasi   tipo di droghe
–     viaggi e   spostamenti non autorizzati all’interno del Paese ospitante
–     guida di qualsiasi tipo di veicolo a motore
–     fare autostop
–     violazione delle leggi   del Paese ospitante
 
Contatti
Per ulteriori informazioni scrivere a scambi.classe@intercultura.it


INFORMAZIONI
GENERALI
Scambi di Classe Intercultura


School Form
provincia di Somogy
Ungheria 2018-19